Che pesci prendere ?

Acquariofilo fai da te - Parte 2

Secondo appuntamento riservato a chi desidera avvicinarsi a questo meraviglioso mondo.
Consigli pratici su come realizzare un acquario funzionale senza doverci impazzire dietro


Ben ritrovato su Acquariofilo fai da te.
Ricordo a tutti che questa è una rubrica dedicata a chi ha in mente di aggiungere l'acquario in casa.

L'elenco aggiornato di tutti gli articoli su questo tema lo trovi a questo link.



La settimana scorsa abbiamo avviato questa rubrica specificando che in questo blog NON si troveranno i consigli dell'esperto...
La caratteristica della mia rubrica è che offrirò i suggerimenti "del vicino della porta accanto".
Il precedente articolo lo trovi a questo indirizzo.

Si, da quattro anni mi sono appassionato all'argomento e dopo parecchie soddisfazioni ed errori ho tirato fuori dal cilindro alcune regole importanti sulla gestione pratica degli acquari.

Iniziamo affrontando il tema più delicato: che tipologia di acquario vogliamo allestire?
Possiamo semplificare in due categorie: 

  • acquario di acqua dolce 
  • acquario di acqua salata (marino).

Acquario di acqua dolce

Si tratta del più semplice tipo di acquario da allestire e da "mantenere".
In alcuni casi (vedremo quali) è possibile scegliere persino acqua di rubinetto o minerale: ci si stressa meno!
La regola però imporrebbe sempre di utilizzare acqua 

Scegliendo questo tipo di acquario possiamo decidere di allestire:

Un Plantaquario: ovvero un particolare tipo di acquario contenente solo piante acquatiche
Detta così sembra semplice da realizzare ma vi assicuro che non lo è proprio così...


Un Cardinaio: particolare tipo di acquario dedicato all'allevamento di gamberetti, lumache marine e magari qualche pianta.

Un acquario tropicale ovvero un acquario di acqua dolce e temperata (calda).










Infine, un acquario di acqua fredda ovvero un'acquario tipicamente utilizzato per l'allevamento dei pesci rossi (in tutte le sue sconfinate varietà). Il nome scientifico è Carassius!

Questi sono i pesci in assoluto più robusti da allevare. 
Contemporaneamente questo è il tipo di acquario è semplice da realizzare.


Acquario di acqua salata

Chi decide di optare per questa categoria di acquario deve fare attenzione.
E' vero che sono gli acquari con i colori più vivi ma è altrettanto vero che è POCO indicato per i neofiti (è più complicato da gestire) e poi bisogna considerare che l'acqua salata produce un forte odore che non sempre è gradito.
A me, ad esempio, non piace...

Grazie al mio amico Luigi Bertino seguiremo l'allestimento di questo tipo di acquari. La pagina di riferimento è la seguente.


Il mio consiglio

Se sei davvero un novellino nella gestione degli acquari scegli la categoria più semplice di pesci da allevare ovvero i Carassi (comunemente chiamati i pesci rossi). Qui non c'è bisogno neppure di un termo-riscaldatore d'acqua. Questi pesci sono di acqua fredda!

Se vuoi andare un pochino oltre puoi allevare i Guppy che sono altrettanto semplici da allevare (estremamente prolifici) ma di acqua temperata (tropicale).

La mia preghiera

Se vuoi allevare dei pesciolini ti prego di non farli soffrire.
Un pesce in boccia è equiparabile ad una vera e propria tortura.

Cerca, nei limiti del possibile, di prendere un acquario proporzionato al tipo di pesce...

Considera, ad esempio, che un pesce rosso vive fino a 30 anni e può oltrepassare i 30 cm. di lunghezza...







Anche oggi chiuderemo questo spazio soffermandoci sulla regola numero 1 (principale): la regola più importante!

"DEVI AVERE PAZIENZA..."
Senza pazienza rischi di fare una strage di pesci e di buttare tanto denaro!

Finita la meditazione fai click qui per accedere al secondo articolo.






Saluti e alla prossima, il tuo blogger preferito, Salvo Maugeri

Commenti

Post popolari in questo blog

Cos'è la qualità della vita ?

Trattoria Da Nino - Dresda

Denaro elettronico, esiste oppure no ?