USS Indianapolis Film (2016): Recensione

Ho buttato 8 Euro al cinema...

Ottimo cast, effetti speciali di quart'ordine,
grande storia, pessimo film!

Se a metà del film fossero usciti i marziani non mi sarei scomposto più di tanto.

Anzi, se il cinema avesse offerto la formula "esci dopo quindici minuti e ti rimborsiamo" non avrei perso il mio denaro...



Un capolavoro annunciato

Questo pomeriggio curiosando tra i film in programmazione al cinema, ho notato subito il titolo altisonante: USS Indianapolis con Nicolas Cage.
Click immediato nel trailer e in meno di dieci minuti stavo organizzando su Whatsapp la comitiva per andare al cinema.

Gli elementi c'erano tutti: ispirato ad una storia vera, cast d'eccezione, seconda guerra mondiale, battaglia in mare, una grande nave con tante storie da raccontare, una missione da compiere, il senso del dovere, un impavido comandante, una storia d'amore sullo sfondo, avventura in mare, un recupero coraggioso, i reduci che tornano a casa, il processo militare...

Partiamo in tre:io, mio padre e il mio fratellino più piccolo!

La faccio breve

Dopo i grandi capolavori ispirati a storie vere non poteva mancare alla mia collezione un potenziale capolavoro come questo.
L'attacco iniziale lasciava presagire un bel film, ma dopo i primi dieci minuti dal suo inizio ho notato che qualcosa stonava. 
Si, ho avuto come l'impressione che la storia corresse troppo veloce...

Ad un certo punto sono entrate in scena le prime sequenze navali e vi giuro che non credevo a quello che vedevo: le navi sembravano fatte con i lego.
Si vedeva benissimo che erano modellini inquadrati da una telecamera.
Hai presente il cinema anni sessanta? Stiamo parlando proprio di questo!

Scene davvero penose; per tutto il corso del film mi sono chiesto cosa ci facesse il premio oscar Nicolas Cage in quella "pietosità" di film.
Una storia d'amore patetica. Non c'era nessun elemento di robustezza, ho tristemente rimpianto il Titanic del 1997.
Risibili le contese tra i marinai: qui ho rimpianto Allarme Rosso del 1995.
Uno scontro in mare ridicolo: qua ho rimpianto Caccia a Ottobre Rosso del 1990.

Insomma, non funzionava niente... la regia particolarmente scadente.

Ad un certo punto è balzato fuori dal mare un sommergibile. Hai presente quei giochetti dei bambini in gomma che li tieni sott'acqua a pressione e poi li lasci andare su...? 
Scena dell'attacco in mare tra la nave e un sommergibile giapponese: delusione completa; ho rimpianto Pearl Harbor, il film del 2001.

Buona parte del film è stata rovinata a causa dei dialoghi demenziali che intercorrevano tra i marinai. 
In continuazione ripetevano i loro timori da attacco di squalo.
Insomma, è come se l'unico incubo di ogni marinaio fosse finire in acqua e divorato dagli squali.  E guarda caso poi che succede? E' stata la volta degli squali che banchettavano sui corpi dei marinai.
Io onestamente NON ce lo vedo un marinaio che scopre l'esistenza dei pescecani solo al centro dell'oceano...bah!

E poi si sa, una volta caduti in acqua lo squalo è subito giù che ti aspetta con coltello e forchetta.
E non parliamo di una verdesca o di uno squalo martello, non sia mai; nell'oceano ci sono solo branchi di squali bianchi che seguono le navi aspettando che qualcuno cada in acqua...

Scusa la divagazione, eravamo rimasti all'entrata in scena dei pesci famelici. 
Qua mi aspettavo di peggio.
A tratti sembrava di guardare il film Shark Attack, ma nel complesso devo dire che questi sono stati gli effetti speciali meglio riusciti.
Naturalmente il film è parecchio distante da capolavori psicologici tipo The Reef o Open Water, ma su questo, giuro, gli faccio uno sconto.
Stendo un velo pietoso sul "secondo di vascello", che come recitazione non merita nemmeno di essere menzionato.

Inutile concludere che il processo svoltosi nella parte finale, è sembrato solo un triste "scimmiottamento" di film noti tipo Il Coraggio della verità, Regole D'onore e tanti altri. 

Peraltro, la versione che è stata proiettata, era priva di tantissime sequenze (in mare) che avrebbero rivalutato un tantino alcune scene.

Considerazioni personali

Chiudo in fretta, ho già detto tutto quello che dovevo dire.
Film particolarmente scadente.
Non aiuta sapere che questo film è stato girato con un misero budget di soli 40 milioni di dollari (contro i 200 milioni del Titanic ad esempio).
Un film di questa portata andava girato con effetti speciali dignitosi.
La sala era quasi vuota perché questo film non merita altro. Peccato!


Saluti e alla prossima, il tuo blogger preferito, Salvo Maugeri

Commenti

Post popolari in questo blog

Trattoria Da Nino - Dresda

Cos'è la qualità della vita ?

Denaro elettronico, esiste oppure no ?