Crypto Hide Coin

Uno strumento davvero interessante

Una criptovaluta innovativa,
Una tecnologia ancora inesplorata!


Mi rendo conto che parlare di criptovalute in un momento in cui il mercato cola a picco potrebbe apparire quantomeno bizzarro ma, tempismo a parte, ritengo che l’argomento sia meritevole di approfondimento: parliamo di Crypto Hide Coin.

Come ho già dichiarato in tante occasioni, questo è il mio anno “cripto sabbatico”.

Da oltre un anno, rilevo un forte interesse per il mondo delle criptovalute: blockchain, decentralizzazione e compagni di brigata.


Tra tutte, c’è però una criptovaluta che ha attirato la mia attenzione.
Come ho già scritto si chiama Crypto Hide Coin.

Quest’articolo è interamente dedicato a questo concept perché trovo scandaloso che in rete se ne parli davvero poco.
Io stesso ho avuto fortissime difficoltà a rintracciare informazioni. Per questo condivido ciò di cui sono a conoscenza.

Vediamo quali sono le ragioni che mi hanno spinto ad approfondire il mio studio.


Tecnologia alternativa

Crypto Hide Coin è un token non collegato ad altri.
Significa che si trova sullo stesso piano dei giganti del settore come Bitcoin, Ethereum, Ripple e altri.
Per intenderci non si tratta di una “fork” o di un token secondario (tipo le ICO) ma di un token primario.
Pertanto introduce tecnologia nativa e protocolli liberi da altre infrastrutture.


Nota dolente: questa nobile e coraggiosa scelta, al momento, penalizza la diffusione di questo coin e lo relega ad una posizione di nicchia.
Credo inoltre che il vero grande assente sia l’informazione, che invece pullula per tanti altri token.


Ho potuto esaminare e provare buona parte delle caratteristiche di questo coin e sono convinto che siano tutte di primissimo ordine.

Avete presente quel marchio che recita “Think different”? Beh, io quando penso alle Crypto Hide Coin ritengo che stiamo parlando di qualcosa di simile in chiave cripto.



Un po' di storia


Questo coin trova origine nel sud est asiatico ed i primi prototipi cartacei risalgono all’ottobre 2011.
L’idea nasce per mano di un gruppo di universitari con a capo tale Wayniss, ingegnere Vietnamita.
Nel corso del triennio 2012-2015 è stato realizzato il prototipo ed è stato messo in piedi il primo nodo autoconsistente sul protocollo di comunicazione proprietario denominato recentemente CHPv1.


Dopo un lento periodo di test durato per più di un triennio, questo strumento ha raggiunto le nostre coste e pertanto oggi è possibile trovare app, sito, protocollo e tutto il resto anche in italiano.



Le caratteristiche

Crypto Hide Coin nasce per rompere gli schemi tradizionali.

Preciso che si tratta di un sistema “Minerless”, che in sintesi si traduce in <<non è possibile generare nuovi gettoni per mano della community>>.
Insomma, se qualcuno è interessato a creare moneta (mining), qui può lasciar perdere e rivolgersi ai fratelli Bitcoin, Ethereum o altri: pertanto pianeta salvo!

Questa è la prima caratteristica che ho apprezzato in questo sistema.

Concepita per un estremo rispetto della Privacy.
Essa consente transazioni P2P iperveloci (il tempo medio si attesta attorno al secondo per transazione): addio latenze infinite!

Non è prevista alcuna “fee” (costo di transazione) per gli scambi tra portafoglio a portafoglio (Wallet): economica e conveniente!

Poi ci sono altre caratteristiche che però, chiedo venia, non padroneggio ancora bene (Cluster Coin, etc.)


Un sistema avanzato

L’universo delle criptovalute è grossolanamente suddiviso in due generazioni tecnologiche.
La prima, rappresentata dai Bitcoin, che ha introdotto il concetto di blockchain.
La seconda, costituita dalle Altcoin, che ha introdotto concetti come gli smart-contract.


Crypto Hide Coin include un modello che potremmo definire come di terza generazione delle criptovalute. Essa offre un sistema di scambio basato su una decentralizzazione estrema senza alcun compromesso.
Vediamo perché.


Attraverso Crypto Hide Coin il contenuto del wallet è conservato nel dispositivo locale dell’utente.
Pertanto le Coin, l'estratto conto e le informazioni non varcano il confine del computer dell’utente.


Questo tipo di approccio esclude che qualsiasi informazione utente (saldo, transazioni e tutto il resto) possa essere custodita su una rete pubblica (seppur cifrata): Privacy allo stato liquido!


Si vocifera che alcuni gruppi di sviluppatori stiano realizzando progetti paralleli, atti al contenimento delle informazioni in rete per una mobilità futura.
Ma di questo non ho ancora conferme!



Il Network NON è basato sui canonici due livelli (blockchain / client utente).


Crypto Hide Coin è costituito da ben quattro livelli: User Layer, Proxy Layer, Trustchain Layer e infine un livello “tras-nodo” basato su una blockchain tradizionale che traccia la parità di tutti i nodi: il cosiddetto Node Check Layer.


A dirla tutta è anche presente un quinto livello del tutto invisibile e che serve a supporto di tutta la catena (Infrastructure Layer): un semplice collante!


Su queste argomentazioni non proseguo oltre per non appesantire la lettura anche perché le sto approfondendo proprio in questo momento.

Pertanto aspettiamo la pubblicazione del White Paper 2019, che è atteso a breve, per ottenere informazioni ufficiali.



La mia esperienza

Io non sono un grande estimatore del mondo del compra e vendi (trading) e Crypto Hide Coin non si pone come una moneta vera: per questo andiamo d’accordo!


Crypto Hide Coin è una promettente tecnologia: un progetto ancora in via di sviluppo!
Pertanto, ho concentrato la mia attenzione su quello che Crypto Hide Coin potrà divenire e non su quello che al momento è.


I campi di applicazione di questa innovazione sono pressoché sconfinati e per questa ragione ho scommesso su una potenziale crescita futura.
Si, dopo l’intera estate passata a studiare ed effettuare ragionamenti, ho acquistato un lotto di coin per scoprire come funzionano.


Perché ho deciso di acquistarli rispetto altre criptovalute ?


Semplice. Di seguito spiego le ragioni:


  1. Perché si tratta di una risorsa scarsa in circolazione e difficilmente reperibile. Per questo se ne trovi anche una piccola disponibilità vale la pena fare un approvvigionamento...non si sa mai
  2. Perché è uno strumento ancora in via di sviluppo e quindi con potenzialità di crescita pressoché sconfinate (si stima di parecchie migliaia di volte)
  3. Perché quando l’ho conosciuta valeva 29 € al milione contro le 180 € al milione di questi giorni (quindi per ora promettente). Pertanto, con pochi soldi ho potuto portare a casa un ricco wallet
  4. Per poter fruire di servizi e di contenuti esclusivi che nasceranno su questo Proof Concept
  5. Per ottenere opportunità concrete circa la partecipazione ad iniziative dedicate a questo mondo
  6. Per contribuire attivamente allo sviluppo del progetto
  7. Si, lo confesso, in fondo l'ho fatto perché conto un giorno di arricchirmi dalla vendita dei miei coin


Questo strumento al momento è in via di sviluppo ed è quindi poco commercializzabile.
Tuttavia, ipotizzo che in futuro ci sarà una forte richiesta di questo token.
Le ragioni di questa mia affermazione le ho già espresse in questo articolo.

Se in futuro dovessi sentire parlare di questo coin, sappi che io sono stato uno tra i primi a crederci (e a sostenerlo) ...


Difetti

Dal lato tecnologico nessuno.
Dal lato reperibilità, invece, è un vero problema trovarli.
Altro difetto ? Se ne parla poco dato che ancora è poco diffuso.

Al momento è presente solo il client per Windows: scandaloso!
Da notizie certe so che è in corso di realizzazione un client web e questo lascia ben sperare...


Come funziona ?

In breve: basta andare sul sito web ufficiale e scaricare il client Windows (dalla versione 0.36).

Le lingue disponibili sono poche ma è anche presente l’ Italiano.
Una volta scaricato, basta posizionarlo su una cartella a scelta e fare il doppio click (oltreché accettare tutti gli avvisi di sicurezza di Windows).
Una procedura guidata consente di creare il wallet e poi… è sufficiente trovare i coin!


Lo spazio social

Ritenendo di fare una cosa utile ho creato una pagina su facebook utile alla raccolta delle informazioni: Crypto Hide Coin Italia.
E' anche presente una community facebook: Crypto Hide Coin Community Italiana.

Se ti interessa l’argomento fai mi piace sulla pagina per restare informato e richiedi l’ammissione al gruppo.



Per il momento chiudo questo articolo sperando in futuro di poter approfondire




Saluti e alla prossima, il tuo blogger preferito, Salvo Maugeri


Commenti

Post popolari in questo blog

Fondo Metàsalute: che confusione!

DevFest Mediterranean 2017 appena conclusa!

Autocertificazione per i primi tre giorni di malattia